Percorso di accompagnamento per la persona disabile- Senigallia (AN)

Pubblicato il Autore Domenico VaccaroLascia un commento

Articolo di giornale con foto della visita del MAC a CastelfidardoFoto incontro di Senigallia - persone sedute all'aperto

Il MAC in visita al museo degli strumenti musicali a Castelfidardo Si appena concluso il percorso di accompagnamento per la persona disabile organizzato dal gruppo di Ancona-Osimo, che si è svolto a Senigallia, presso una struttura alberghiera.
Il percorso, momento di aggregazione offerto ai giovani del territorio e aperto ad altre realtà provenienti dalla Toscana e dalla Lombardia , si attua da ormai un ventennio.

Le attivita’ e le finalita’, mai lasciate all’improvvisazione, ma programmate con i referenti Mac e gli specialisti, hanno la ”presunzione”-con i nostri limiti- di essere ispirate dal carisma del Movimento Apostolico Ciechi. In particolare per esprimerci con le parole del documento di missione MAC “ proponendo agli associati e non, un cammino di condivisione e di promozione della solidarieta’ nella reciprocita’ per superare forme di pietismo e assistenzialismo e favorire al contrario processi di inclusione sociale e di integrazione nel rispetto dei diritti della persona e nel riconoscimento della sua dignita’ e della sua responsabilita’ nell’esercizio dei suoi doveri”.

Undici ragazzi giovani non vedenti provenienti da Marche, Emilia Romagna, Lombardia e Toscana hanno condiviso tra loro e con amici vedenti un percorso laboratoriale volto a rinforzare le autonomie personali e socio-relazionali.

Quest’anno la nostra apertura al territorio e’ stata vissuta, in collaborazione con la società “Atletica Castelfidardo 1990”. Sono state proposte attività sportive, che si sono realizzate in occasione della visita a Castelfidardo, durante la quale i ragazzi hanno potuto visitare il museo della fisarmonica e la Selva.

“Quello che mi ha colpito di più è stato poter toccare la fisarmonica e ascoltare il loro suono. Mi è piaciuto poter cantare, accompagnato da questo strumento, le canzoni che conosco”,  dice Simone Granci, 30 anni di Gabicce.

“Sono stata felice di poter esplorare con i miei amici e sentire odori tipici del bosco e quello che preferisco è la salvia”, aggiunge Eleonora Rossi, 26 anni di Milano.

La giornata si è conclusa sulla nuova pista di atletica di Castelfidardo, dove i ragazzi assieme ai volontari e ai professionisti hanno potuto correre e svolgere alcuni esercizi condividendo l’allenamento con gli atleti.

A tutta l’iniziativa hanno partecipato il presidente della società Alberto Gatto, dal presidente Pro Loco Aldo Belmonti, dagli assessori Riccardo Memè, Roberto Angelelli e Tania Belvederesi, Presidente di Italia Nostra Daniele Carlini e il Presidente della fondazione Ferretti Eugenio Paolini.

Interessante occasione di diverse realtà territoriali che ci auguriamo possa dare spazio a future collaborazioni.

Siamo certe che la conoscenza di se stessi e dell’altro, liberta’ e responsabilita’, apertura alle varie dimensione dell’uomo,  piccoli passi, come tessere di un mosaico, contribuiscono con semplicita’ a costruire la dignita’ della persona, di ciascuno e di tutti, come singolo e come comunita’.

Giulia Pagoni e Samantha Russo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *