“Punti in rete: sperimentazione di percorsi educativi con le comunità per l’inclusione delle persone con disabilità visiva e/o complessa”.

Pubblicato il Autore Domenico VaccaroLascia un commento

Lo scopo del progetto è quello di sperimentare il protocollo scientifico costruito negli anni di attività come azione propria dell’agenzia pedagogica del MAC. Le attività di sperimentazione del protocollo si svolgeranno a Genova, Salerno e Siracusa. Saranno attivati, inoltre, punti di riferimento per consulenza ed attività formativa a Pistoia, Fano, Potenza, Taranto e Oristano. Il progetto dura 12 mesi, si sviluppa in due fasi e si conclude a luglio 2014. Ogni servizio ha istituito un equipe di lavoro costituita da un coordinatore (pedagogista o psicologo), 1 o 2 educatori, altri professionisti coinvolti in relazione alla situazione.

Il principio guida dell’azione dell’agenzia è che molti degli apprendimenti legati all’autonomia e cura personale non possono essere appresi separati dal contesto familiare e sociale. La consulenza educativa in sede e quella domiciliare ha essenzialmente lo scopo di facilitare nell’ambito domestico, lo sviluppo di quelle abilità come: mangiare, vestirsi, svestirsi, controllare gli sfinteri, ecc.

Ogni persona, assieme alla sua famiglia, fruirà di un percorso che si sviluppa in una fase di osservazione e progettazione, che ha come esito la definizione di un progetto pedagogico; segue a questa fase la verifica del progetto e il suo adattamento in relazione alle risposte ottenute, nonché l’attuazione di percorsi formativi e di sensibilizzazione per genitori, insegnanti ed altri operatori sociali, pastorali e sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *