Seminario- Disabilità……. e salute: l’incidenza delle cure mediche e della riabilitazione terapeutica nei processi educativo-formativi e la ricaduta nell’ambito delle relazioni familiari- Casa “Fusetti” Corbiolo di Bosco Chiesanuova (VR) 29 giugno/01 luglio 2015

Pubblicato il Autore Domenico VaccaroLascia un commento

La progressiva specializzazione medica dei servizi, se da una parte ha comportato un migliore approfondimento diagnostico accompagnato da proposte di cura mirate, dall’altra ha significato la “divisione” della persona in base alle specifiche prestazioni erogate. Quando i problemi sociali si sommano a quelli medico sanitari, le famiglie in difficoltà difficilmente sono in grado di tenere sotto controllo la complessità della situazione. Un malato certamente ha il desiderio, l’auspicio di curarsi, per questo è spinto a trovare una soluzione terapeutica, quindi una cura sanitaria ed un medico che lo aiuti nella guarigione; non è affatto così per ciò che riguarda l’ambito educativo-formativo, infatti, tutti sanno, che l’intervento dell’educatore non può portare mai alla guarigione. Non è quindi così scontato che la famiglia voglia intraprendere un percorso educativo. È scontato, invece, che in ciascuna famiglia vi sia la ricerca della cura, della migliore cura possibile, funzionale a creare le condizione per una qualità di vita ottimale. Le questioni da affrontare richiedono ambiti che potrebbero sembrare contrapposti ma evidenziano un’assoluta trasversalità, al centro vi è sempre la dignità della persona, indipendentemente dalla condizione di malato, disabile, ecc.  Ogni livello o intervento non esclude l’altro, solo assieme e in maniera interdisciplinare si può vincere la sfida; sfida che accompagna la persona e la sua famiglia per tutta la vita.
Il Seminario ha il compito di indagare sui seguenti tre elementi, individuando specificità e complementarietà tra sanitario ed educativo formativo:
1. motivazioni e istanze dei genitori;
2. inquadramento del problema, soprattutto quando la disabilità è complessa; confini tra malattia e disabilità;
3. impatto e ricadute delle cure mediche nel vissuto familiare e della persona disabile.
Il Seminario intende essere un momento riflessivo cui possono partecipare sia professionisti di ambito sanitario-terapeutico che educativo-formativo. La logica che si utilizzerà è quella del lavoro laboratoriale, con approfondimento a più voci su temi, di cui sopra, connessi alla disabilità grave e complessa.
Secondo la nostra metodologia altre volte seguita e al fine di dare già all’inizio del Seminario un quadro dei contributi espressi, si chiede, ad ogni servizio invitato, di far pervenire allo staff organizzativo del seminario, entro il 20 maggio 2015, l’intervento che si intende realizzare.
L’iniziativa seminariale si svolgerà dalle ore 16,00 del 29 giugno alle ore 13.00 dell’1 luglio 2015, presso Casa “Fusetti”, Centro di formazione del Movimento Apostolico Ciechi – Corbiolo di Bosco Chiesanuova (VR). È possibile arrivare per la cena del 28 giugno. Si richiede ai servizi di manifestare interesse all’iniziativa tramite contatto telefonico o e-mail e di indicare un referente nel più breve tempo possibile. La segreteria del Seminario è affidata a Michela De Rosa e a Giovanna Armili, presso la sede di Salerno della Fondazione MAC Insieme, a cui ci si potrà rivolgere per ogni informazione.
Il programma dei lavori sarà comunicato ad adesioni ricevute. I lavori del Seminario saranno raccolti in una pubblicazione che sarà distribuita gratuitamente ai partecipanti e a chi ne facesse richiesta. I costi per la permanenza e l’alloggio sono a carico della Fondazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *